Il collasso accelerato degli Stati Uniti

Entrefilets maxresdefaultAbbiamo sempre pensato che l’implosione degli Stati Uniti avrebbe segnato l’inizio del collasso finale del sistema atlantista neoliberista. Ma oggi, c’è più dei pixel della narrazione hollywoodiana ancora utilizzati per nascondere la realtà di un impero in rapido sfaldamento. E le cose accelerano a un ritmo fenomenale. Di fronte alla prospettiva di una vittoria probabile di Trump su una politicamente già morta Clinton, la mafia washingtoniana è nel panico e cerca di avviare il controtiro ovunque possa, nel tentativo di provocare una guerra civile razziale, nel Paese, e accelerando il confronto diretto con la Russia (1), fuori. Con risultati incerti in diversi Stati, come Texas e California, che già preparano la loro versione locale della “brexit” per sfuggire all’incendio che minaccia di far sparire questo falso Paese (2).

Kiev a Dallas
gunman dallas_0I dirigenti occulti dello Stato profondo degli Stati Uniti sembrano aver finalmente risolto la questione delle elezioni presidenziali. Hillary è finita. Anche se sfugge, per ora, all’indagine sul cosiddetto emailgate, Clinton è un cadavere politico che si auto-pratica la respirazione artificiale e nessuno sembra volerci scommettere. Niente potrà salvarla e, addirittura se dovesse andare al potere ripetendo la truffa che portò Doobleyou due volte alla presidenza, non potrà governare. Troppi intrallazzi, troppi scheletri negli armadi. Ed ora è anche sospettata di opportunismo, mentre alla Casa Bianca raccoglie enormi quantità di denaro per la sua fondazione in cambio di contratti per armamenti (3). Questo è, a nostro avviso, la luce sotto cui va visto l’evento di Dallas dove i piani di guerra civile razziali avviati nel 2014 (4) a Fergusson, hanno solo subito una clamorosa spinta. Le immagini di RT mostrano uno dei tiratori in azione, ed è assolutamente chiaro che fosse un perfetto professionista, un ex-marine “squilibrato” possibilmente telecomandato e/o arruolato dalla CIA (5). Ricordiamo che nel 2015 le polizie degli Stati Uniti hanno ucciso oltre 1100 civili, tra cui la metà “non bianchi”. Il 40% delle vittime erano neri disarmati. A questo punto non si tratta di errori, ma di una lunga strategia. Disordini sociali significativi potrebbero effettivamente, se necessario, essere usati da cortina fumogena per ogni operazione per sospendere le elezioni a causa di emergenze, come l’omicidio di Trump, per capirsi.
Sul fronte aperta contro la Russia in Europa grazie al colpo di Stato di Majdan (6), non c’è bisogno di tornarci avendo già ampiamente esposto le manovre statunitensi che mirano a rendere il Vecchio Continente (ora trasformato in una caserma della NATO) nel teatro di una possibile guerra futura (7). Ma nel momento in cui la NATO ha deliberatamente scelto di tenere l’ultimo vertice alle porte della Russia per irritare ulteriormente Mosca, conficcheremo ancora più il chiodo denunciando ancora una volta il grado di sottomissione assolutamente scandaloso dei merdia occidentali, che continuano a spacciare la narrazione statunitense della minaccia russa. Si tratta dei “collaborazionisti” zelanti dei guerrafondai che minacciano d’inghiottire il mondo in una nuova macelleria, e prima o poi tutti dovranno risponderne.

Un falso Paese profondamente diviso
6600cd6ac9477221372450d17e3e1cbfMa, come si suol dire, al peggio non c’è mai fine. Tornando al nostro argomento, ora tutto indica che il 2016 sarà l’anno del definitivo tracollo degli Stati Uniti. La prospettiva è sicuramente da mozzafiato, perfino incredibile. Per misurarne la probabilità, dobbiamo strappare, letteralmente, la narrazione hollywoodiana per capire che gli Stati Uniti di fatto non hanno alcun cemento reale che possa consentirgli di superare l’immensità della crisi terminale che li corrode da quasi un decennio. Citando la possibile dissoluzione degli Stati Uniti fin dal marzo 2009 (8), indicammo un testo di Philippe Grasset, editore del sublime sito Dedefensa.org, che riassume molto bene la fragilità intrinseca del falso Paese che sono gli Stati Uniti: “Gli Stati Uniti non sono, a nostro avviso, una nazione nel termine necessariamente eroico (la storia), ma un sistema di utilità. (…) Questo è intelligente, ben distribuito nella gestione degli interessi dalla virtù estremamente notevole del negoziante sempre e comunque alla base, non c’è dubbio. Ma non c’è alcun legame con la storia, non quella trascendenza particolare stabilita dalla virtù dell’eroismo (o “sacrificio dell’interesse particolare per il bene generale”). L’interesse speciale ha trovato un buon investimento nell’associazione e nell’organizzazione generali, giustamente chiamate “interesse generale”; non si tratta affatto del “bene pubblico” nel senso classico della disponibilità a tutti in generale, come comunità storica in riferimento alla nozione di trascendenza. I cittadini degli Stati Uniti sono gli azionisti dell’”interesse generale” e regolarmente chiedono di renderne conto, naturalmente, con i più scaltri che vincono la scommessa. Tutto ciò funziona bene come affare ben gestito, dove la redditività per gli azionisti è il riferimento supremo. Il risultato è un insieme artificiale profondamente diviso (con) tensioni permanenti tra le diverse regioni e comunità“. E ricordate che tale sistema fu assemblato con la violenza armata della guerra civile e che “Lincoln e Grant sapevano cosa stavano facendo quando ordinarono a Sherman di distruggere tutta la cultura del Sud, la “nazione del Sud”, nella sua famosa “passeggiata in Georgia” nel 1864, perché sapevano che il sistema non può accettare alcuna diversità autentica“.
Poi aggiungiamo a tale quadro “che le stesse circostanze della creazione del Paese lo privano della naturale connessione con la terra che occupa, essendo stato costruito su un territorio rubato dopo il genocidio delle nazioni indiane. La legittimità del legame con la terra, principale riferimento, è la base organica della costituzione di una vera e propria nazione, e qui manca ancora. In questo, gli Stati Uniti sono quindi (un sistema opportunistico) che “galleggia” sulla superficie della terra rubata“. Di conseguenza, i movimenti secessionisti che vanno affermandosi in California (il 41% dei californiani ritiene che il loro Stato dovrebbe essere indipendente, secondo un sondaggio su quasi 9000 persone) e in Texas, dovrebbero essere considerati seriamente. Il panico crescente in cui la mafia washingtoniana procede nella gestione della crisi è un sintomo altrettanto indicativo della fragilità di tale falso Stato. E se le sue manovre falliscono, il suo collasso potrebbe essere molto più rapido del previsto, lasciando l’Europa turbata probabilmente per qualche tempo, ma finalmente libera.Homecoming Rodeo action at Mayfest Hill Park - Terry  Hagerty phNote
1 La posta elettronica piratata conferma la spinta della NATO a provocare il conflitto con la Russia
2 California Dreaming: ‘il movimento dei separatisti aumenta’
3 Maledette e-mail!
4 Perché l’amministrazione Obama si ostina ad iniziare una guerra razziale
5 Sparatoria a Dallas: uomo spara a distanza ravvicinata su agenti di polizia
6 Ucraina-Russia: quando l’impero getta la maschera
7 L’UE è diventata la caserma della NATO
8 L’ipotesi della dissoluzione degli Stati Uniti

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

9 luglio 2016

https://aurorasito.wordpress.com/2016/07/09/il-collasso-accelerato-degli-stati-uniti/

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: