Menzogna e ignoranza

Ora gli Stati Uniti hanno capito che la loro realtà si basa sulla menzogna e l’ignoranza. Ron Paul

Ora gli Stati Uniti hanno capito che la loro realtà si basa sulla menzogna e l'ignoranza. Ron Paul

Il declino economico e morale della società americana si riflette nella perdita delle libertà

“Se gli americani fossero onesti, ammetterebbero che la Repubblica degli Stati Uniti non esiste più e che viviamo in uno stato di polizia. I cittadini devono essere consapevoli di come lo stato si è evoluto e lottare per preservare le loro libertà. Tutte le libertà nell’America di oggi sono sotto assedio, denuncia in un lungo articolo sul suo sito l’ex membro del Congresso, Ron Paul.
“Ora gli Stati Uniti si rendono conto che la loro realtà si basa sulla “menzogna e l’ignoranza”, sostiene l’ex deputato, spiegando che la nazione americana ha aperto gli occhi davanti all’aumento delle tasse e del debito insieme alla crescente sorveglianza portata avanti dal governo federale al posto del promesso “successo”.
Gli americani hanno sacrificato la loro libertà e la prosperità in cambio di una maggiore sicurezza fisica ed economica promessa dallo Stato sullo sfondo della guerra globale al terrorismo, prosegue Ron Paul.

Il declino economico e morale della società americana si riflette nella perdita delle libertà. Questo problema riguarda tutti gli americani. L’erosione graduale della libertà personale ed economica è andata avanti per un secolo e ha fortemente accelerato dopo gli attacchi dell’11 settembre. Abbiamo fatto a noi stessi ciò che nessun nemico straniero avrebbe potuto farci, ammette Paul, che esorta il popolo americano ad una rivoluzione pacifica contro l’autoritarismo. “Ma se lo spirito della libertà non è vivo e vegeto nei cuori e nelle menti delle persone, la sola violenza contro il governo non sarà una soluzione. La storia ha dimostrato che, il più delle volte, le persone che si ribellano contro i governi autoritari rovesciano un dittatore e lo sostituiscono con un altro”

L’ex politico avverte anche che “poichè gli Stati Uniti si trovano ad essere sempre più impegnati economicamente e militarmente in tutto il mondo, possiamo aspettarci molti più attacchi contro gli interessi americani. Con così tanti militari all’estero, saranno gli obiettivi più facili da colpire. Ma attacchi simili a quello dell’11 settembre rimarranno una minaccia per la nostra patria. Non saremo attaccati perché siamo liberi e ricchi. Gli attacchi verranno da gente arrabbiata che ha perso amici e parenti a causa di un uso improprio e spesso vizioso della forza militare statunitense nei loro paesi”.

Cosa aspettarsi allora per il 2015? “Più truppe americane saranno inviate all’estero in posti come l’Iraq, l’Afghanistan, la Siria, e l’Ucraina. Non ci saranno vittorie militari di cui vantarsi. Altri militari americani saranno uccisi nel 2015. La guerra civile in Ucraina non finirà, e gli Stati Uniti saranno ulteriormente impantanati in questo conflitto. Le relazioni con la Russia continueranno a deteriorarsi. Il complesso militare-industriale continuerà a prosperare e fare ancora più soldi con la maggiore influenza dei neocon nel nuovo Congresso. La “crescente forza dei nostri nemici” richiederà ulteriori limitazioni della privacy e della libertà di espressione dei cittadini americani”.  

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: