i soldati drogati di Captagon

Guerra in Siria, 

È simile al crac la sostanza che sostiene i ribelli di Damasco. Il cui traffico serve a comprare armi.

di Mauro Pompili

da Beirut

In Siria, dall’inizio del conflitto a oggi, la produzione e il traffico di stupefacenti ha avuto un boom.

(© Getty) In Siria, dall’inizio del conflitto a oggi, la produzione e il traffico di stupefacenti ha avuto un boom.

Guerra e mercato della droga: un matrimonio perfetto. Anche nella Siria dei jihadisti e dei martiri di Allah.
Dall’inizio del conflitto di Damasco la produzione e il traffico di stupefacenti hanno infatti conosciuto un boom, almeno stando ai sequestri di anfetamine e di altre sostanze tossiche alle frontiere mediorientali.
Sono le stesse sostanze che, secondo i rapporti dell’esercito siriano, sono state rinvenute in molte roccaforti riconquistate dopo essere state in mano ai ribelli. Di cui i miliziani, stando alle segnalazione delle organizzioni non governative, farebbero un uso massiccio.
IL MERCATO DEL CAPTAGON. La regione più calda è la zona di confine con il Libano, stazione di contrabbando del Captagon, un’anfetamina molto usata in Medio Oriente.
La sostanza è prodotta per lo più in Siria e nella Valle della Bekaa, la vallata famosa anche per l’hashish, nel Nord del Paese dei Cedri. Il Captagon di qui passa per raggiungere la destinazione finale: i Paesi del Golfo, Arabia Saudita in testa.
IL RICAVATO FORAGGIA LA GUERRA. Tra gennaio e settembre 2013, la polizia libanese ha sequestrato più di 11,5 milioni di compresse della sostanza, per due tonnellate di peso. A cui si sommano quattro tonnellate soltanto di materie prime necessarie alla fabbricazione delle pastiglie.
Una escalation impressionante: le compresse bloccate alla frontiera erano state 463.977 nel 2012, 499.326 nel 2011 e appena 68.304 nel 2010.
Secondo fonti della sicurezza siriana, il fenomeno è presto spiegato: i proventi del traffico sono infatti utilizzati per finanziare la guerra al presidente autocrate Bashar al Assad.
TRAFFICANTI CREATIVI. «I trafficanti sono sempre più creativi: abbiamo trovato pillole nascoste dentro condizionatori d’aria industriali, in oggetti d’arte, in cornici e addirittura cotte con i biscotti del Ramadan», ha dichiarato a Lettera43.it il colonnello Ghassan Chamseddine, capo dell’antidroga libanese.

La “droga bene” che piace all’Arabia saudita

Captagon (a destra) e cocaina, sequestrati dalle forza di sicurezza libanesi.

(© Getty) Captagon (a destra) e cocaina, sequestrati dalle forza di sicurezza libanesi.

Il Captagon, noto anche come fenethylline, fino a metà degli Anni 80 era utilizzato in alcuni Paesi per il trattamento dei disturbi dell’attenzione, come molte altre anfetamine.
Dopo essere stato inserito tra le sostanze tossiche dall’Organizzazione mondiale della Salute, è però diventato popolare ngli Stati arabi, e soprattutto in Arabia Saudita, come eccitante nei droga party. «Una droga per gente bene», la descrivono gli esperti internazionali.
I LABORATORI NELLA BEKAA.  Prima della guerra le compresse erano prodotte in grande quantità in Siria e arrivavano poi in Libano per essere imbarcate su navi o voli commerciali diretti verso gli Stati del Golfo e quelli africani, ma anche verso quelli europei.
La guerra ha imposto un cambio: il principio attivo (più difficile da rintracciare nei controlli) raggiunge ora aree remote della valle della Bekaa, dove viene poi trasformato in compresse nei laboratori clandestini.
UNA COMPRESSA COSTA 10 DOLLARI. Lo smercio del Captagon rappresenta un enorme giro d’affari. Nei paesi del Golfo il prezzo al dettaglio di una compressa varia dai 10 ai 20 dollari (tra 7 e 15 euro circa): solo le pillole sequestrate nel 2013 in Libano valevano sul mercato 1,3 miliardi di dollari (circa 960 milioni di euro).
LE ARMI FINANZIATE CON LA DROGA. Parte del ricavato finisce nell’enorme patrimonio dei trafficanti, come prova il lussuoso complesso edilizio sequestrato recentemente a Beirut a una famiglia di narcos di Homs. Ma la quota più consistente dei ricavati illegali, secondo gli investigatori libanesi, è usata per l’acquisto di armi necessarie per abbattere il regime di Assad.

Violenza, effetto da sovradosaggio

Combattenti islamisti di al Nusra, in Siria.

(© Getty images) Combattenti islamisti di al Nusra, in Siria.

C’è però dell’altro. La presenza in Siria di grandi quantità di anfetamine, a prezzi  bassissimi, ha reso gli stupefacenti un elemento quotidiano della vita dei combattenti.
EFFETTI SIMILI AL CRAC. Il Captagon di cui si fanno i siriani, secondo le ong presenti nella zona, ha effetti simili al crac: aumento del battito cardiaco, della respirazione e della pressione, sommato all’assenza delle sensazioni di fame e di sonno per lungo periodo.
Il sovradosaggio rende violenti e aggressivi, ma quando l’effetto svanisce insorgono depressione e mal di testa prolungato, che spingono a consumare nuove quantità.
PER GIOVANI VOTATI AL MARTIRIO. Secondo gli esperti, dosi elevate di Captagon portano gravi complicanze psichiatriche e possono portare ad allucinazioni e voci inesistenti. La morte può sopravvenire per crisi cardiaca o ictus.
Si tratta, insomma, di uno stimolante ideale per miliziani votati alla morte. O per infervorati che non vogliono sentire il dolore.
UN’ABITUDINE ANTICA. «Nei 15 anni di guerra civile libanese l’uso di anfetamine come stimolatori era dilagante. Ai combattenti erano dati questi farmaci per migliorare le loro prestazioni», ha ricordato Nadya Mikdashi, fondatoredi Skoun, organizzazione non governativa che promuove la lotta alla droga e alla tossicodipendenza. «Perché oggi in Siria dovrebbe essere diverso?».
Nel dramma della guerra civile, c’è spazio per ogni genere di orrori.

http://www.lettera43.it/economia/affari/guerra-in-siria-i-soldati-drogati-di-captagon_43675109753.htm

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: