La Siria ha affondato un sottomarino israeliano?

L’attacco nucleare del 4/5 maggio era una ritorsione? 

Gordon Duff Veterans Today 25 maggio 2013

Israeli-submarineUna storia proveniente dalla Siria, sostiene che l’affondamento di un sottomarino di costruzione tedesca con armamento nucleare del governo d’Israele non solo sarebbe stato parzialmente confermato, ma che l’attacco nucleare pienamente confermato alla Siria, si ritiene esser stato una rappresaglia israeliana per questo naufragio.
È stato riferito che il sottomarino israeliano Delfin, un battello diesel/elettrico di costruzione tedesca, sia stato attaccato e affondato da una torpediniera della marina siriana alle 02:30 del 2 maggio 2013, mentre navigava ad una profondità di 150 metri. Prima del naufragio, una nave dei servizi segreti della Germania era in zona. Dopo la notizia, o forse dovremmo dire l’occultamento dell’affondamento del sottomarino israeliano e l’altrettanto attacco nucleare “non dichiarato” alla Siria, un grosso contingente di navi da guerra russe si è posizionato nella zona.
Le prove si accumulano a sostegno di tale scenario, in cui la Russia è costretta ad utilizzare le sue capacità militari per stabilizzare la regione e disinnescare un conflitto più ampio. L’analisi del video dell’attacco nucleare, due giorni dopo l’affondamento, è conclusiva.

Ciò che poneva una questione era il “perché?” Non c’erano prove che la Siria avesse un obiettivo tale da giustificare il rischio d’Israele di usare un’arma nucleare. Le ipotesi iniziali erano che la Siria potesse avere un impianto nucleare sotterraneo, ma si sono rivelate infondate. Cosa ha spinto Israele, allora? Ora si potrebbe avere la risposta. L’affermazione proviene da Syrianews. Questa è la pubblicazione che ha segnalato l’uso di armi chimiche da parte delle forze ribelli, il 19 marzo, nei pressi di Aleppo. Sono fonti legittime, sicuramente più di qualsiasi media mainstream, e informano  in modo serio e credibile. Ci sono anche ampie conferme che Israele abbia perso un F 16 durante l’attacco.
Questo sarebbe il secondo sottomarino che Israele ha perduto. L’ex HMS Totem, ribattezzato Dakar da Israele quando fu consegnato dalla Gran Bretagna, nel 1968 “scomparve” con tutto l’equipaggio.  Ci furono molte speculazioni secondo cui l’US Navy avesse affondato il Dakar in rappresaglia per l’attacco israeliano che uccise e ferì oltre 200 marinai statunitensi dell’USS Liberty l’anno prima.  Israele ora ammette apertamente di aver attaccato la Liberty, sostenendo che gli Stati Uniti spiavano per conto dell’Egitto nel corso della Guerra dei Sei Giorni  del 1967. Ammissioni apertamente fatte in Israele e insegnate ai bambini delle scuole, ma accuratamente espunte persino dalla storia insegnata nelle accademie militari statunitensi.

Scarne segnalazioni
Le notizie dei media sulla Siria sono le più abissali di qualsiasi conflitto negli ultimi anni. In genere, dichiarazioni infondate a favore d’Israele vengono riportate come fatti e senza nessuna fonte di sorta, mentre le prove video di torture, mutilazioni e uso di armi chimiche da parte dei ribelli non solo non sono trasmesse, ma non sono neanche commentate, anche quando tali prove sono accolte dalle Nazioni Unite. Dei giornalisti russi in missione in Siria hanno consegnato al Segretariato delle Nazioni Unite dei video che mostrano l’attacco con armi chimiche, presumibilmente commesso dai combattenti dell’opposizione nelle vicinanze di Aleppo, il 19 marzo. Lo ha confermato il portavoce del Segretario generale Farhan Haq. Ha detto che le informazioni saranno trasmesse ad Oke Selstemu, capo del gruppo di esperti che indagano sul possibile uso di armi di distruzione di massa in Siria. A fine marzo, Damasco ha notificato al Segretariato delle Nazioni Unite gli attacchi chimici effettuati dagli insorti armati.
Finora, diversi aspetti sono stati elusi dalla censura occidentale:
– Le forze ribelli siriane sono accompagnate da osservatori dell’artiglieria mobile israeliana.
– Gruppi che cooperano con Israele e Turchia vengono addestrati dai servizi segreti occidentali e sono, secondo gli standard statunitensi, classificati come “affiliazioni di al-Qaida“.
– L’uso di armi nucleari, la perdita di un sottomarino e di un aereo da caccia israeliani non sono stati riferiti, ma solo le perdite turche (si è mentito anche sui 3 F-16 persi durante i bombardamenti sulla Siria)
Di seguito, la notizia di Syirianews:
Syrianews può confermare la notizia che abbiamo ricevuto un paio di giorni fa, che un natante della Marina siriana ha distrutto un sottomarino israeliano al largo della costa siriana, a 150 metri di profondità, il 2 maggio 2013 alle 2 – 02:30. Non ci hanno detto il tipo o la dimensione del sottomarino, ma abbiamo la conferma che è stato distrutto. Dai dettagli che siamo riusciti ad ottenere, l’oggetto nemico è stato rilevato e l’ordine di distruggerlo era stato dato a uno dei mezzi vicini, affondandolo con un siluro (non hanno detto di quale tipo), poi è stato monitorato fino allo schianto sul fondale marino, al largo delle coste. Un grande movimento di elicotteri dell’esercito siriano è stato osservato sopra il luogo dove il sottomarino è stato distrutto. Non è la prima volta che la Marina siriana impegna oggetti nemici ed ostili. All’inizio della crisi siriana, la marina siriana aveva avvistato una nave della marina tedesca in missione di ricognizione, scacciandola; un ministro tedesco si era poi lamentato dell’azione della marina siriana, sostenendo che la nave non stava spiando, ma stava solo ascoltando e raccogliendo informazioni!
Un elevato numero di palloni per lo spionaggio israeliani sono stati avvistati sulle costa siriane e i sionisti hanno iniziato a inserire trappole esplosive nei palloni, in modo che esplodano quando toccano il suolo se abbattuti dall’esercito siriano. Da segnalare che Israele, con la benedizione degli Stati Uniti, ha effettuato un attacco contro un pollaio e un deposito di armi nei pressi di Damasco, il 5 maggio 2013, tre giorni dopo che il sottomarino è stato distrutto. Il raid è stato coordinato a terra con i terroristi del fronte al-Nusra, che avevano attaccato 19 diversi posti di blocco dell’EAS intorno alla capitale siriana, all’alba.

BD88B05D-F94A-4283-A034-FFCE12599490_w640_r1_s_cx0_cy2_cw0

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

http://aurorasito.wordpress.com/2013/05/29/la-siria-ha-affondato-un-sottomarino-israeliano/

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: