Americani ed europei: due mondi separati

Dominique Venner La Nouvelle Revue d’Histoire N° 65 – Marzo-Aprile 2013

usa_number1Per molto tempo, lo sguardo degli europei sugli Stati Uniti è dipeso dalla guerra fredda (1947-1975), dall’occupazione sovietica di mezza Europa e dalle minacce reali sull’altra metà. Durante gran parte di questo periodo, gli Stati Uniti furono visti come il baluardo della nostra libertà dalla prepotenza Rossa. Quegli anni hanno dato vita a molti miti basati su una realtà distorta, il mito del “mondo libero” contro il comunismo, che non era più l’”Occidente” di Spengler, ma si confondeva con la potenza americana. Sebbene ben consapevoli della minaccia di guerra negli anni ’50, de Gaulle iniziò a stemperare l’americanofilia della Francia non comunista. Ma è stato con l’improvviso cambiamento nel mondo, dopo il 1990 e la volatilizzazione dell’URSS, che si è avuta  l’affermazione dell’egemonia americana, cambiando la nostra visione degli Stati Uniti, apparendo per quello che erano, un imperialismo ideologico, politico, militare e finanziario costruito sul rifiuto totale dell’Europa. Un’Europa già celebrata come entità specifica da Voltaire nel 1751, nella sua introduzione al ‘Secolo di Luigi XIV’ (1).
La recente rielezione del presidente Barack Obama ci ha ricordato che gli Stati Uniti, questo mistero che incombe sul nostro destino di europei, da cui, per colpa nostra, siamo dipendenti e assoggettati. Questa strana potenza é venuta tra noi come un bastardo, ricco e rinnegato. Un grande paradosso storico ha voluto che gli Stati Uniti siano stati sia il prolungamento dell’Europa che la sua negazione. Parte (non tutti) dei primi immigrati del XVII.mo secolo, vittime della persecuzione religiosa, fuggirono dall’Europa allontanandosene. È alla fine del XIX.mo secolo, dopo la guerra civile, che infine imposero la loro “visione del mondo”. All’epoca, vi furono nuove ondate di immigrati in fuga dall’Europa: ebrei vittime dei pogrom russi, cattolici irlandesi, anarchici tedeschi e indigenti di tutto il continente che andarono incontro alle promesse del nuovo mondo. “Ogni americano è un orfano“, proclamò lo scrittore John Barth. Un orfano volontario avrebbe dovuto specificare, vale a dire, un parricida. La maggior parte degli americani si vede come il risultato della rottura con il passato europeo e della libertà di cercare la felicità materiale, che secondo la Dichiarazione del 1776 è uno dei diritti naturali dell’uomo. Questa ricerca della felicità materialistica, del benessere e dei dollari, generò il sarcasmo in molti europei, come Stendhal o  Kipling. Ma questa idea della felicità faceva parte del bagaglio dei Lumi, così era parte della cultura europea. L’America è in debito anche con l’Inghilterra per la sua lingua, naturalmente, ma anche per l’importanza sociale attribuita al contratto, alle libertà e all’equilibrio dei poteri, insomma ai fondamenti del suo modello politico ed economico. Ciò dimostra che la pretesa degli Stati Uniti di respingere l’eredità dell’Europa è eccessiva. Tuttavia, la frattura è indiscutibile. Questa rottura si ebbe fin dall’inizio. I fondatori delle colonie nella Nuova Inghilterra, i puritani, erano estremisti in fuga dall’Europa, Bibbia in mano. La frattura fu favorita dal lungo viaggio attraverso l’Atlantico, ritenuto dai puritani del Mayflower come il passaggio del Mar Rosso da parte degli Ebrei in fuga dall’Egitto, prima di entrare nella Terra Promessa. Nel loro identificarsi con il popolo della Bibbia, i Padri Pellegrini e i loro successori si convinsero che l’America fosse la nuova Terra promessa, uno spazio ricco e vuoto, offerto da Dio ai suoi amati figli. Sostennero, a loro beneficio, la pretesa ebraica di essere gli “eletti” scelti da Dio. I primi coloni si stupirono del mondo vuoto che gli venne offerto come una pagina vuota. Un mondo vuoto, formula un po’ frettolosa. Si trascurarono gli indiani che erano così sparpagliati nel territorio, e che furono spudoratamente sottoposti a genocidio. I francesi e gli spagnoli, gli altri europei che avanzarono un patrimonio comune, furono anche loro estromessi dopo guerre feroci. Nel 1853, il territorio degli Stati Uniti venne consolidato definitivamente. Escludendo Alaska e Hawaii, i confini non cambieranno più. Vasti spazi, il suolo fertile delle Grandi Pianure, la ricchezza di materie prime. Un Eldorado!
Questo enorme spazio, vergine e ricco, soddisfaceva le aspettative di coloro che volevano fondare un mondo nuovo lontano dalle presunte perversioni della vecchia Europa. Lo spazio apparentemente vuoto dell’America era il paradiso dell’innocenza che il peccato non aveva contaminato. Portava il marchio semplificante del Dio biblico. Quindi l’opposto dello spirito di conquista e di avventura dei colonizzatori greci e romani dell’antichità o dei colonizzatori europei, anche d’epoca moderna, che ne hanno ereditato il patrimonio. Una differenza cruciale, con tutte le sue implicazioni antropologiche, che pesa ancora oggi.

Note
1. Ho citato le parole di Voltaire dalla prima pagina del mio libro ‘Il secolo del 1914′ (Pygmalion, 2006).

Dalla sinistra al capitalismo assoluto
Dominique Venner 19 marzo 2013

gauche_caviarEcco un libro molto attuale che vale la pena leggere. Presto capiremo perché. Una volta, all’epoca  della Comune di Parigi (1871), la sinistra non aveva un nome. E inoltre, era terribilmente divisa. Tra gli ex comunardi e coloro che li fucilarono o deportarono, si dubita che ci fosse alcun accordo. Tuttavia, condivisero la stessa religione del progresso dell’Illuminismo. Erano tutti ammiratori della Rivoluzione francese, che pose fine al “feudalesimo”, questo esecrato mostro. Dedicarono lo stesso odio al partito monarchico e al “partito dei preti” ancora potenti. Perseguirono lo scopo di costruire un regime repubblicano, anche se non furono d’accordo sulla sua interpretazione. Soprattutto, si separarono sulla questione sociale. Semplificando le cose alle estreme conseguenze, alcuni di loro si identificarono come “socialisti” (un termine coniato da Pierre Leroux nel 1834) e gli altri come liberali. Questi, dei giacobini borghesi e radicali, si strinsero al capitalismo nascente e all’individualismo dei diritti umani, definendo gli altri dei “faziosi”.
Questi due principali rami in conflitto della sinistra francese, nel 1899 conclusero, al momento del caso Dreyfus, un patto per la “difesa repubblicana” temendo (illusoriamente) un colpo di stato della “reazione”. Così nacque la sinistra francese, che successivamente non cessò di dividersi e di  ritrovarsi nel nome della “difesa repubblicana” delle varie repubbliche. Il partito comunista, creato nel 1920 sulla scia della rivoluzione bolscevica in Russia, unì la sua partizione discorde a questo concerto. Oltre le spesso feroci lotte intestine, la sinistra fu tuttavia unita dal rifiuto della destra, incarnazione del mondo decaduto, ma ancora minaccioso, di cui il fascismo storico non è mai stato altro che un avatar agli occhi di coloro che non cedettero al suo magnetismo, tra il 1925 e il 1945 (1).
Nel suo nuovo saggio, Jean-Claude Michea ricorda questa vecchia storia sottolineando quanto appartenga al passato (2). Questo spirito libero non nasconde la sua nostalgia per la sinistra scomparsa. Grande lettore di Marx ed Engels, ma anche di Orwell, offre un’interpretazione convincente della grande rivoluzione interiore vissuta dalla sinistra (e da tutta la società “occidentale”), tra la fine degli anni ’60 e ’80. Questa rivoluzione è caratterizzata dall’adunata universale nel culto della crescita, della competitività, della globalizzazione e del liberalismo culturale, di cui il matrimonio “per tutti”, la depenalizzazione della cannabis e la “discriminazione positiva” sono alcuni attributi. Adunata che accompagna l’abbandono di ogni proposta di costruzione di una società socialista. Come spiegare una tale inversione in un periodo così breve? In un’opera precedente, ‘Il Complesso di Orfeo’ (3), Michea aveva già offerto la chiave filosofica di questa adunata. Accecati dalle apparenze e dalle avventure storiche, non ci ricordiamo che le diverse sinistre hanno lo stesso ancoraggio filosofico del capitalismo più selvaggio. Tutti credono egualmente nella religione del Progresso nata dall’Illuminismo. Tutti credono religiosamente che il passato è orribile e l’indomani sarà sempre migliore. Questa “rappresentazione” stampata nell’inconscio della sinistra, significa che la modernità incarnata dal capitalismo trionfante di oggi compia il divenire storico. Quindi è impossibile negare l’ovvio rischio di apparire colpevole di volgersi alla sinistra “reazione” del “ripiegare in sé”, della “paura dell’altro” o delle idee “nauseanti” che un giorno potrebbero riportarci alle “ore più buie della nostra storia”. Mi adatto al vocabolario ironico dello stesso Michea. Ma come sottolinea parlando del capitalismo, “mai nella storia dell’umanità, un sistema sociale e politico, in così poco tempo, ha cambiato in tal modo la faccia del mondo.” Niente di più vero. In Francia, fin dagli anni di Mitterrand, la vecchia sinistra ha svenduto i suoi sogni socialisti sposando l’individualismo fondamentale dell’Illuminismo, del liberalismo: i diritti umani e la società (tra cui la famiglia), concepita come un freddo contratto revocabile tra interessi privati. E ciò che è vero per la sinistra, lo è anche per la destra. Da molto tempo la faglia destra-sinistra è un’illusione che non inganna che gli elettori più sprovveduti. Alla fine del suo saggio, Michea suggerisce che potremmo entrare in una nuova segnata dalle rivolte “populiste” che si sottraggono a tale divario obsoleto.

Note
1. Gli esponenti della sinistra che, in Francia, vennero ipnotizzati dal fascismo furono abbastanza numerosi. Per una panoramica, è possibile fare riferimento alla mia ‘Storia della collaborazione’ (Pygmalion, 2002).
2. Jean-Claude Michea, Les Mystères de la Gauche, Climi, 2013, 133 p., Euro 14.
3. Jean-Claude Michea, Le Complexe d’Orphée, Climi, 2012, di cui ho parlato proprio qui a novembre 2012

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

http://aurorasito.wordpress.com/2013/05/22/americani-ed-europei-due-mondi-separati/

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: