FUOCO AMICO

 – IL DEBITO DI SANGUE DEGLI STATI UNITI IN AFGHANISTAN TOCCA QUOTA DUEMILA MA SEMPRE PIÙ SOLDATI VENGONO UCCISI DA MEMBRI DELLA POLIZIA O DELL’ESERCITO AFGHANO – WASHINGTON IN CRISI, ANCHE PERCHÉ FINORA HANNO SPESO 22 MLD € (DEI CONTRIBUENTI) PER ADDESTRARE LE FORZE DI SICUREZZA LOCALI – NEL 2014 SI TORNA A CASA, LASCIANDO L’AFGHANISTAN NEL CAOS PIÙ ASSOLUTO…

Francesco Semprini per “la Stampa
Guerra in AfghanistanGUERRA IN AFGHANISTANSono duemila i militari americani morti nel corso della guerra in Afghanistan, un conflitto che dura da undici anni e che oggi appare nuovamente dimenticato. A far toccare la triste quota è stata l’uccisione di un soldato statunitense nel corso di uno scontro a fuoco durante il quale hanno perso la vita anche tre militari afghani e un «contractor» americano.Sembra che si sia trattato di un caso di «Green on Blue», attacco nei confronti delle forze della missione Isaf compiuto da elementi della polizia o dell’esercito afghano, coloro che si suppone siano alleati. Il numero di questi attentati interni è cresciuto moltissimo negli ultimi mesi causando la morte di almeno 52 tra militari americani e della coalizione. Questo solleva seri interrogativi sul futuro del Paese, specie con l’avvicinarsi della data del ritiro delle truppe, prevista per il 2014.

Guerra in AfghanistanGUERRA IN AFGHANISTANIn molti si chiedono se il governo di Kabul sarà in grado di gestire un Paese che mostra di essere ancora in condizioni precarie. «È una seria minaccia, dobbiamo riuscire a fermarli», spiega il generale Martin Dempsey, capo di Stato maggiore della Difesa. «È una cosa che mi fa impazzire – dice il generale John Allen, capo della missione Usa in Afghanistan – abbiamo fatto e siamo disposti a fare sacrifici per questa campagna, ma di certo non a farci ammazzare in questo modo».

Gli «insider attack» sono considerati dagli strateghi del Pentagono uno dei pericoli maggiori specie in questa fase di «exit strategy» in cui gran parte degli sforzi sono concentrati sull’addestramento delle forze locali. Il programma di addestramento avviato dagli Usa nei confronti dei 350 mila uomini di esercito e polizia locali è costato 22 miliardi di dollari ai contribuenti americani.

SOLDATO AMERICANO IN IRAQSOLDATO AMERICANO IN IRAQGli Stati Uniti hanno già provveduto al ritiro di 33 mila militari, riducendo le forze in campo a quota 68 mila. Quanti ne rimarranno il prossimo anno si deciderà dopo le elezioni presidenziali, anche se appare chiaro che sia il presidente Barack Obama che il candidato repubblicano Mitt Romney sono decisi a chiudere la missione entro il 2014. Ad oggi sono in tutto 108 mila le truppe Nato che operano in Afghanistan rispetto alle 150 mila dello scorso anno.

Il conflitto iniziato il 7 ottobre del 2001, all’indomani degli attacchi terroristici dell’11 settembre, oltre ai 2.000 soldati americani, è costato la vita ad almeno 1.190 militari di altri Paesi della coalizione. Il 40 per cento delle vittime Usa sono morte a causa degli Ied, ovvero gli ordigni esplosivi rudimentali spesso posti sul ciglio della strada e fatti saltare in aria al passaggio dei convogli. Sono oltre 20 mila invece le vittime di guerra tra i civili afghani.

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/fuoco-amico-il-debito-di-sangue-degli-stati-uniti-in-afghanistan-tocca-quota-duemila-44683.htm

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: