I nervi tesi di Hillary l’allucinata

I nervi tesi di Hillary l’allucinata

De Defensa [3] 7 luglio 2012

[4]I nervi di Hillary Clinton – ci dispiace, ma non sono riuscito a rigettare questo giudizio pseudo-medico, – diventano molto imbarazzanti. Sono sballati, incontrollabili e fanno sembrare gli incontri internazionali all’ora libera nelle strutture psichiatriche. Bisogna dire che se non ci fosse quel tipo di intrattenimento (ovvero, i nervi di Hillary), le riunioni degli “Amici della Siria” sarebbero eventi molto imbarazzanti per la noia che genera il vuoto instancabilmente alimentato dalla ripetizione del racconto ipnotico, ed anche allucinato, dei ripetitori del blocco BAO.


Esprimiamo la nostra convinzione intuitiva che “i nervi di Hillary“, allo stesso tempo sono, naturalmente, un caso unico e personale, e riflettono anche lo stato psicologico di una comunità burocratica, il Dipartimento di Stato in questo caso, che sembra anche essere una così convincente illustrazione dello stato psicologico delle leadership politiche del blocco BAO. La presenza al suo fianco, nel ruolo d’influenza essenziale di portavoce, Victoria Nuland, la moglie del neocon Robert Kagan ed ex ambasciatrice statunitense alla NATO, lei stessa passionaria del neoconservatorismo, unito a un iperliberalismo convulsamente interventista di tendenza femminista, è una garanzia della potenza e dell’estensione di questo stato psicologico presso l’ufficio della Segretaria di Stato Clinton. (Certamente non parliamo di “forma mentis“, che sarebbe un grande onore per tale pollame). (Per Hillary e Nuland, sono la perspicace fermezza e la capacità di manovra delle donne in politica a essere sostituite dall’isteria femminista, sempre in transito verso la radicalizzazione estrema.) Non si è ancora finito di misurare le devastazioni della pandemia psicologica degli isterici falchi liberali, di cui Hillary è il rappresentante emblematico, nelle strutture di un ministero che, da George Kennan a James Baker e allo scialbo Warren Christopher (Segretario di Stato dal 1993 al 1997), aveva saputo coltivare la misura e una certa tenuta senza rinunciare mai al cinismo e al pseudo-idealismo americanista, così efficaci.
In breve, in attesa di altro, e oltre, ciò introduce l’intervento e le attività della piromane Hillary Clinton, in occasione della pomposa riunione degli “Amici del popolo siriano”, come si dicono ufficialmente, ieri a Parigi. La diplomazia che si pretende dalla tradizione molto grande e pomposamente seria, in tutti i suoi stati ipomaniacali, costituisce uno spettacolo straordinario e avido dell’era postmodernista. Vediamolo, per esempio con Russia Today [5] (lasciando il sistema della stampa impolverarsi), il 6 luglio 2012.
• L’intervento di Hillary ha fatto particolare sensazione per le sue osservazioni estremamente aggressive contro la Russia e la Cina: “La Russia e la Cina devono pagarla per la loro opposizione alla caduta di Assad” … Alcuni notano che durante la guerra fredda, nessun segretario di Stato ha fatto commenti così aggressivi contro la Russia (URSS). Niente di cui stupirsi. “Non credo che la Russia e la Cina stiano pagando alcun prezzo per niente – niente – appoggiando il regime di Assad. L’unico modo per cui ciò cambi, è che ogni nazione presente qui, chiarisca direttamente e con urgenza a Russia e Cina che la pagheranno“, ha avvertito Clinton.
Il viceministro degli esteri della Russia, Sergej Rjabkov, ha detto che l’Occidente opera nel quadro dei termini amico-o-nemico, che ha definito superato. “Rifiutiamo categoricamente che tale questione sia anche posta riguardo la situazione attuale in Siria e il ‘sostegno’ della Russia al presidente Bashar Assad. Non è questione di supportare qualche figura o dirigente politico. È una questione di gestione di una crisi nel paese dentro un quadro politico normale“, ha detto Rjabkov. “Purtroppo, non siamo in grado di avere la comprensione necessaria dei nostri partner occidentali. L’Occidente trova ancora attraente i termini “amico-nemico”. Consideriamo tale terminologia una cosa del passato“, ha spiegato Rjabkov.
• Un altro punto rilevante dell’intervento di Clinton è che è emerso il famoso caso degli elicotteri russi venduti, anni fa, alla Siria, e rispediti in Russia per manutenzione e ristrutturazione, e che erano sulla via del ritorno in Siria quando la controversia è scoppiata tre settimane fa, a causa di Hillary Clinton. (Vedasi 15 giugno [6]21 [7] e 22 giugno 2012 [8].) “La segretaria di Stato USA ha ulteriormente criticato la Russia per la manutenzione degli elicotteri della Siria di fabbricazione sovietica. Due settimane fa Hillary Clinton si è scagliata contro la Russia per la riparazione di tre elicotteri siriani, dicendo che la loro presenza “aumenterà il conflitto in maniera drammatica.” Il Ministero degli Esteri russo ha smentito rapidamente le accuse. “Nel 2008 ci fu un contratto per ripararli. Dovranno ancora essere assemblati, dopo la consegna“, ha detto Lavrov. “Per questo intero processo ci vorranno almeno tre mesi. Quindi, sei si parla di qualcosa che abbiamo appena venduto alla Siria, e che dovrebbe essere messo in azione, non si dice affatto il vero“, ha aggiunto.
• In un altro articolo, commentando ciò, Russia Today ha intervistato due commentatori statunitensi. I loro commenti, assieme alla relazione sull’intervento di Clinton, è sufficiente a completare la documentazione del dossier. (Articolo del 6 luglio 2012 [9].) “Ma se la riunione di Parigi ha rivelato che gli Stati Uniti possono ancora detenere una propria soluzione al problema siriano, e non sono disposti al compromesso“, dice Mark Almond, professore di Relazioni Internazionali presso l’Università Bilkent in Turchia. “La signora Clinton converte un problema regionale, una crisi [Tra] la Siria e i suoi vicini, in un problema potenzialmente globale“, ha detto Almond a RT. “Quei paesi che non sono d’accordo con ogni parola della signora Clinton, sono considerati sostenitori della tirannia e nemici del bene. Ciò crea una risposta globale molto più pericolosa.” […] “Forse la signora Clinton parla semplicemente per la frustrazione del fatto che la sua politica non ha ancora raggiunto l’obiettivo di rovesciare Assad“, ha sostenuto il professor Almond, aggiungendo che Clinton è conosciuta per l’uso di una aspra retorica verso chi non le piace.
Questa sembra una svolta che dovrebbe essere sconcertante, se ci fosse il senso che l’accordo raggiunto, la scorsa settimana, quello che gli Amici della Siria oggi vogliono attuare nel paese arabo. Questo dimostra ancora una volta che, fin dall’inizio di questa crisi, l’obiettivo era quello di rimuovere Bashar al-Assad e il suo governo“, ha detto a RT James Corbett, redattore del sito The Corbett Report. […] [A Parigi] “Clinton ha chiesto a altre 60 nazioni del  gruppo degli Amici della Siria, di aderire all’azione per far capire a Cina e Russia che subiranno dei contraccolpi per le loro azioni in Siria“, dice Corbett. “Ciò indica che gli Stati Uniti non hanno una grande leva diplomatica da usare direttamente contro Russia e Cina.”
… In aggiunta a tutte queste osservazioni e questi commenti interessanti, l’informazione che Clinton ha anche “minacciato” (è questo il termine?) di proporre una terza risoluzione alle Nazioni Unite per consentire una “No-Fly Zone“, o un trucco del genere, per mascherare l’intervento straniero. Infatti, è in piena inversione della logica diplomatica … Dopo aver insultato russi e cinesi, “minacciandoli” anche di una terza risoluzione delle Nazioni Unite, che avrebbe bisogno dei loro voti per passare, mentre oppongono il loro veto come  dito medio di prassi, ecco che appare un nuovo tipo di diplomazia, diciamo: “diplomazia ipomaniacale”. Probabilmente, l’assai fico presidente BHO, ricordandosi dell’esistenza del mondo tra le cene per raccogliere dai sostenitori centinaia di migliaia di dollari per la sua rielezione, le consiglierà di dimenticare questa“minaccia”, per non subire una terza sconfitta alle Nazioni Unite.
In breve, c’è pochissimo da imparare seguendo l’intervento di Hillary Clinton da un punto di vista politico. Colei che abbracciava Lavrov il 29 giugno, e che lo insultava sette giorni più tardi, non va sottoposta ad una qualsiasi analisi.  Da quando minaccia il mondo intero di attaccare la Siria, e considerando che gli Stati Uniti di solito non hanno bisogno del permesso di nessuno per questo tipo di sport, possiamo concludere che il Pentagono prende assai poco seriamente le “minacce” di Clinton. (In effetti, vorrebbe consigliargli, dopo tutto, di attaccare la Siria come i suoi soci e collaboratori hanno fatto nel 2001, in Afghanistan, e in Iraq nel 2003, e lei stessa attraverso suo marito Bill, in Kosovo nel 1999, passando con la benedizione dell’ONU e il consenso dei russi. Ma è ancora necessario avere il peso della potenza, in mancanza dell’audacia per farlo.)
Perciò, è l’aspetto psichiatrico – pardon psicologico, – a cui siamo interessati. In questo caso, non è l’insulto minaccioso lanciato ai russi e ai cinesi che appare essere il fatto più notevole della questione, ma la riemersione dell’affare degli elicotteri. Questo caso è abbastanza documentato da poter essere considerato chiuso; regolato sia dalla reazione del Pentagono che dalla reazione russa, si è rivelato un errore tecnico della squadra del Dipartimento di Stato, causato dal suo zelo pubblicitario ed ideologico; ma che sia usato ancora una volta, passando dall’approccio del comprensibile errore nel rigore alla menzogna assolutamente provata e usata in nome di una logica implacabilmente emotiva e manipolatrice della ragione, ci illumina ampiamente sullo stato psicologico prevalente presso il Dipartimento di Stato, e presso la Segretaria di Stato stessa. È positivo che il contributo di Hedi Doukhar compaia questo 7 luglio 2012, concentrandosi sull’aspetto psicologico, – depressione maniacale, terrore, ecc., – che sviluppiamo per studiare il comportamento delle dirigenze politiche del blocco BAO. E’ da questa parte che ci si deve muovere per comprendere il comportamento di Clinton, psicologicamente esausta, che assorbe di fatto le menzogne come una droga, permettendole di tenere a galla la sua narrazione, eventualmente con l’aggiunta di droghe vere, acutizzando la sua aggressività come la sua continua incapacità a piegare la realtà alla sua volontà.
Forse la signora Clinton parla semplicemente di frustrazione per il fatto che la sua politica non ha ancora raggiunto l’obiettivo di rovesciare Assad” suggerisce il professor Almond. Infatti, professore, siamo per il principio della cosa, ben al di là della sua operatività. Ciò che è notevole nel progresso dello stato psicologico delle leadership politiche del blocco BAO, illustrato dalla Clinton, che n’è il caso più estremo, è l’indebolimento considerevole osservato constatando un tale scoppio che lega l’incapacità di controllare se stessi e la completa indifferenza nel dimostrare pubblicamente l’impotenza in cui vi si trovano. Questa esplosione, che si presuppone consapevole e attentamente valutata, sotto forma di un discorso preparato, e non di un momentaneo slancio del temperamento, aggiunge pessimismo alla diagnosi. Non solo queste persone non si controllano più e mostrano la loro impotenza completa, ma procedono in maniera artificiale, che prevede l’esposizione di questo stato senza cogliere le conseguenze derivanti; strutturano la dimostrazione del loro crollo psicologico, raggiungendo il climax del paradosso di strutturare con pugno di ferro la loro stessa decostruzione. La loro patologia psicologica non è più distinguibile come tale, è la loro psicologia è diventata pura patologia, come una cosa naturale, con l’uso confessato e senza alcuna dissimulazione dell’arsenale di questa malattia; menzogne, invettive, irresponsabilità. Sono completamente immersi nel racconto terrorizzato trascritto in termini di aggressività sfrenata.
In effetti, queste persone sono capaci di tutto. In generale, questa non è la ricetta per la vittoria decisiva di una causa, ma piuttosto l’accelerazione decisiva del disastro derivante dalla collisione tra la narrativa vigente e la verità del mondo. Aspettiamo per vedere.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora [10]

 


Article printed from STAMPA LIBERA: http://www.stampalibera.com

URL to article: http://www.stampalibera.com/?p=49044

URLs in this post:

[1] I nervi tesi di Hillary l’allucinata: http://aurorasito.wordpress.com/2012/07/13/i-nervi-tesi-di-hillary-lallucinata/

[2] 1 commento: http://aurorasito.wordpress.com/2012/07/13/i-nervi-tesi-di-hillary-lallucinata/#comments

[3] De Defensa: http://www.dedefensa.org/article-les_nerfs_florissants_d_hillary_l_hallucin_e_07_07_2012.html

[4] Image: http://aurorasito.files.wordpress.com/2012/07/img_606x341_clinton-libya-gestures-rtr2st1v.jpg

[5] Russia Todayhttp://www.rt.com/news/clinton-russia-china-syria-569/

[6] 15 giugno: http://www.dedefensa.org/article-moscou-damas-hillary_et_les_h_licopt_res_irresponsables_15_06_2012.html

[7] 21: http://www.dedefensa.org/article-la_guerre_froide_ranim_e_comme_une_caricature_d_elle-m_me_21_06_2012.html

[8] 22 giugno 2012: http://www.dedefensa.org/article-_durcissement_russe_sur_la_syrie_22_06_2012.html

[9] Articolo del 6 luglio 2012: http://www.rt.com/news/clinton-syria-russia-price-602/

[10] SitoAurora: http://sitoaurora.altervista.org/home.htm

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: