Al DIO GADU

24 novembre 2011 | Autore  | Stampa articolo Stampa articolo

Oggi è il giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti. Quarantacinque milioni di tacchini sono stati macellati per questo rito collettivo in cui si sacrificano creature viventi al Dio Ventre, vagamente chiamato Dio dell’universo.

La sua origine sembra vada ricercata in Canada nel 1578, per opera di un certo Martin Frobisher, che indisse un giorno di ringraziamento per esser riuscito, lui e il suo gruppo, ad attraversare l’Atlantico. Ma anche i più famosi Padri Pellegrini, nel 1621, ebbero la stessa idea. Arrivati in una terra ostile e con l’inverno incipiente, sarebbero morti tutti e centodue di fame se non fossero giunti in loro soccorso i nativi consigliando loro di coltivare il mais e allevare i tacchini. Grazie a questo aiuto, gl’impropriamente chiamati pellegrini invitarono i nativi a mangiare con loro, anche se la storia dell’amicizia è stata un po’ gonfiata poiché in realtà gli invasori non si fecero scrupoli a saccheggiare alcuni depositi di granaglie degli indiani e già l’anno successivo ci furono scaramucce per motivi di territorio.

La realtà è sempre più prosaica di come ci viene raccontata. Tant’è vero che, a dimostrazione dell’umana ingratitudine, nel 1676 il primo funzionario che, a differenza dei suoi predecessori che erano solo uomini del popolo, ebbe l’idea d’istituire una giornata di ringraziamento a Dio, fu Edward Rawson. Uno dei motivi per cui i coloni avrebbero dovuto ringraziare il Signore fu la vittoria contro i “nativi pagani”, cioè proprio coloro che cinquantacinque anni prima li avevano aiutati a sopravvivere ai duri inverni. Come sarebbero andate le cose per i pellerossa se li avessero lasciati morire di fame?

 

Contando alcuni periodi in cui venne sospesa (Thomas Jefferson non ne volle sapere), fu Abramo Lincoln a farla diventare una festa nazionale e a fissarla al quarto giovedì di novembre. Alcuni storici affermano che fu Truman, dopo il periodo bellico, a ripristinarla, ma, non essendoci prove, è più probabile che sia stato John Kennedy a riprenderla nel 1963. Ad ogni modo, la National Turkey Federation, a partire dal 1947 prese l’abitudine di regalare due tacchini ai presidenti. Non si sa chi ebbe per primo l’idea di “graziarli”: c’è chi dice Kennedy e chi George Bush padre. Ad ogni modo, l’ipocrita sceneggiata si ripete ogni anno. E per aggiungere un tocco di demagogia, i vari presidenti non si lasciano sfuggire l’occasione di proclamare il loro impegno affinché i cinquanta milioni di americani poveri abbiano anche loro la loro porzione di tacchino.

Da noi i politici promettevano un pollo in ogni pentola. Poca fantasia ‘sta gente!

Il motivo per cui si dovrebbe ringraziare il Creatore, come ebbe a dire George Washington nel 1789, è “per le molte e segnate mercedi e le interposizioni favorevoli della sua provvidenza, di cui abbiamo fatto esperienza nel corso e nella conclusione dell’ultima guerra”. Anche James Madison, nel 1814, non si fece scrupolo ad affermare che si dovrebbe essere riconoscenti “a Dio Onnipotente per la sicurezza e il benessere di questi Stati, e per la sua Benedizione sulle loro armi”.

In altri termini, oltre ai frutti della terra, Dio concede il suo favore sui campi di battaglia, schierandosi dalla parte dei suoi fedeli prediletti. E gli altri, naturalmente, sono i figli della serva! E’ un vezzo molto antico, quello di schierare Dio dalla propria parte, basti pensare al Carroccio di Alberto da Giussano, ma anche Hitler aveva fatto incidere sui cinturoni dei suoi soldati la scritta “Gott mit huns”, Dio è con noi, e la stirpe dei Bush, padre e figlio, non ha mai avuto pudore a chiedere la protezione divina contro le forze del male e di Al-Qaeda.

Se, con un minimo di raziocinio, arriviamo a rifiutare l’uso strumentale della divinità per scopi bellici, dovremmo altrettanto facilmente arrivare a respingere anche la strumentalizzazione degli animali come doni di Dio e manifestazione della sua generosità. E’ solo una questione di logica. Non si può rifiutare l’idea che Dio combatta a fianco di un determinato esercito e accettare quella che conceda agli uomini gli animali come cibo. Sa troppo di Vecchio Testamento e di Geova degli Eserciti. Troppi danni sono derivati all’umanità da tale mistificazione. E li stiamo pagando tuttora.

Non vorrei mai che, al pari di Halloween, anche il Thanksgiving Day venisse importato in Italia: ci bastano già le stragi pasquali di agnelli e capretti, oltre alle abbuffate natalizie.

Gli animali da carne muoiono. Macellai e Big Pharma gongolano. Rendiamo grazie a Dio per aver creato questo strano mammifero bipede, spietato e crapulone.

 

 

 

 

Links pertinenti:

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Giorno_del_ringraziamento

http://www.piazzagrande.info/rubriche/36365/happy-thanksgiving-day-sua-maesta-tacchino

 

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: