C’è un giudice in USA

20 ottobre 2011 | Autore  | Stampa articolo Stampa articolo
Andrew P. Napolitano è un ex-giudice della Corte d’Appello del New Jersey, che ha uno spazio fisso su Fox News. Sull’onda del ridicolo piano terroristico iraniano “sventato” dall’FBI, l’altro ieri ha accusato la stessa FBI di aver creato praticamente tutti i casi di “sventato pericolo” contro gli americani degli ultimi 10 anni. Peccato che non si sia spinto fino al 1993 (primo attentato al WTC), ma ci possiamo già accontentare.

Ecco la traduzione del suo intervento: “È il governo che lavora per noi, o siamo noi a lavorare per il governo? Può il governo federale prendersi il merito di averci salvato da piani criminali che lui stesso ha creato? Questa sera [si riferisce al “complotto” iraniano sventato] il governo federale ci ha protetto, o vuole solo farci credere di averci protetto? A partire dalla tragedia dell’11 settembre, svariati pazzoidi e imitatori di bassa lega hanno messo in piedi azioni criminali …”

Il ‘complotto iraniano’ è statunitense?

ottobre 19, 2011 di  Lascia un commento

Thierry Meyssan Réseau Voltaire Beirut (Libano) 18 ottobre 2011

L’amministrazione Obama ha lanciato una nuova accusa contro l’Iran. Questa volta Teheran avrebbe ordinato un piano per uccidere l’ambasciatore saudita a Washington. Nonostante i dettagli forniti alla stampa, le cancellerie si mostrano riservate. Il tempo in cui gli alleati si sentivano obbligati ad aderire pienamente alle bugie statunitensi sembra finita.


La mediatizzazione del caso è stata organizzata con cura. L’amministrazione Obama ha chiaramente lo scopo di sfruttarla al meglio. Martedì 11 ottobre 2011, il Segretario alla Giustizia (Attorney General) Eric Holder, affiancato dal direttore dell’FBI Robert Mueller, ha annunciato l’incriminazione di due statunitensi di nazionalità iraniana, per aver richiesto a un cartello della droga messicano l’assassinio dell’ambasciatore saudita a Washington.  In questo comunicato stampa, il  Segretario Holder afferma che l’imputato, Manssor Arbabsiar, ha riconosciuto i fatti. Ha ammesso di lavorare per conto di un ufficiale delle Guardie Rivoluzionarie dell’Iran, Gholan Shakur, che ha già inviato circa 100000 dollari agli assassini come acconto di un contratto stimato a 1,5 milioni di dollari. Holder ha detto che gli Stati Uniti considerano l’Iran responsabile della cospirazione.
Da parte sua, il vice segretario al Tesoro, responsabile del terrorismo e dell’intelligence finanziaria, David S. Cohen, annuncia delle sanzioni contro cinque persone coinvolte nel complotto: Manssor Arbabsiar, Qasem Soleimani (Comandante delle Guardie Rivoluzionarie), Hamed Abdollahi (ufficiale della Guardia rivoluzionaria), Shahla Abdul Reza (“il cugino”) e Gholam Ali Shakur (“ufficiale di collegamento”). Da notare che solo due dei cinque nomi figurano sull’atto d’accusa, gli altri tre sono stati aggiunti dall’intelligence, e non si sa su quali prove si basa [1]. Quindici minuti dopo queste dichiarazioni, l’imputato è presentato alla Corte di New York e l’accusa è distribuita ai giornalisti [2]. Apprendiamo che Arbabsiar Manssor sarebbe andato il 24 maggio, 23 giugno e 14 Luglio 2011, a Città del Messico, per incontrare un rappresentante del cartello e chiedergli di assassinare l’ambasciatore. Ma l’interlocutore era un informatore pagato che si è affrettato ad avvertire le autorità USA.
Entrambi gli appuntamenti del suo ultimo viaggio sarebbero stati registrati dall’informatore, all’insaputa del convenuto, e così anche due conversazioni telefoniche. Durante la sua detenzione, l’iraniano avrebbe  autenticato le registrazioni e avrebbe confessato. Secondo le trascrizioni, Manssor Arbabsiar avrebbe riferito di lavorare per conto di suo cugino, un generale della Forza al-Quds delle Guardie Rivoluzionarie, che è ricercato negli Stati Uniti probabilmente per gli attacchi in Iraq. Il generale l’avrebbe reclutato a causa dei suoi frequenti viaggi di lavoro in Messico, con l’intenzione originaria di rapire l’ambasciatore piuttosto che ucciderlo. Il messicano avrebbe detto di disporre di quattro uomini per eseguire il contratto e di aver effettuato una ricognizione. Avrebbe descritto poi gli orari, le abitudini e il dispositivo di sicurezza dell’ambasciatore. In definitiva, avrebbe deciso di porre dell’esplosivo C4 in un ristorante di lusso frequentato dall’ambasciatore e fdi farlo esplodere durante il pasto, anche se il ristorante era frequentato da 100-150 clienti, tra cui dei Senatori degli Stati Uniti, col rischio di una carneficina. Il generale avrebbe inviato negli Stati Uniti un funzionario di collegamento, probabilmente un colonnello, di nome Gholam Shakur, per effettuare i versamenti di denaro liquido.
In definitiva, l’attentato avrebbe dovuto avvenire a fine settembre. Manssor Arbabsiar intendeva andare in Messico per assicurarsi dell’operazione e pagarla una volta realizzata. Tuttavia, gli è stato negato l’accesso al territorio messicano il 28 settembre ed è tornato negli Stati Uniti, dove è stato arrestato all’arrivo all’aeroporto JFK di New York. Durante la sua custodia, Manssor Arbabsiar ha accettato di fare diverse telefonate a Teheran per contattare Gholam Shakur. Ha fatto capire che il ritardo era dovuto alle nuove esigenze finanziarie degli assassini. Il “Colonnello”, in un primo momento, ha rifiutato di prendere in considerazione un aumento citando possibili contratti futuri, e ha dichiarato di voler contattare i superiori al fine di valutare il da farsi. In questo modo, gli investigatori hanno ritenuto che il contratto sia stato effettivamente promosso dalle Guardie Rivoluzionarie.
Altri elementi sono apparsi sulla stampa e che non sono elencati nell’atto di accusa. Il New York Times ha citato una fonte anonima ufficiale secondo cui si tratterebbe del cartello messicano Los Zetas. I congiurati avrebbero anche progettato di far saltare in aria l’ambasciata israeliana a Washington e le ambasciate di Israele e Arabia Saudita a Buenos Aires. La stessa fonte cita la consegna di tonnellate di oppio dagli iraniani al cartello [3]. Secondo l’Associated Press, il generale Abdul Reza Shahla che l’amministrazione Bush reputa responsabile di un attentato a Kerbala (Iraq), il 20 gennaio 2007, in cui sono stati uccisi cinque soldati statunitensi e altri tre feriti [4]. Infine, il Washington Post pensa di avere identificato il ristorante, sarebbe il Café Milano, dove d’abitudine si reca l’ambasciatore [5].
Il caso sembra chiaro. Eppure, contro ogni previsione, l’avvocato dell’imputato, Sabrina Shroff, in una dichiarazione al Palazzo di Giustizia, afferma Bloomberg News, che il suo cliente si dichiara innocente [6]. Secondo la CNN [7], Manssor Arbabsiar, un venditore di auto usate, non sembra avere alcuna idea politica. La sua fedina penale mostra che è stato condannato a 90 giorni di carcere per mancato soccorso nel 1987, e fu di nuovo condannato nel 2004 per guida senza patente, e nel 2007 per eccesso di velocità. E’ stato discolpato, nel 2001, dall’accusa di furto, segnala KIII-TV. Quindi un profilo poco coerente con il rigore delle Guardie rivoluzionarie. Un amico ha detto all’Associated Press che Manssor non può essere il cervello di una simile operazione, perché è troppo pigro per esserlo [8].

L’escalation
Seguendo un piano di comunicazione altamente organizzato, i funzionari statunitensi intervengono a raffica per commentare e amplificare le parole del Segretario alla giustizia.
Mercoledì 12 mattina, il vice presidente Joe Biden è onnipresente in tv a rullare il tamburo: commenta il “complotto iraniano” su ABC (Good Morning America), CBS (The Early Show) e NBC (Today). Ovunque, insiste sul fatto che gli iraniani hanno attraversato la linea, che violano il diritto internazionale e saranno ritenuti responsabili. Tuttavia, non riesce a accusare direttamente l’ayatollah Khamenei e Ahmadinejad, lasciando qualche dubbio su eventuali crepe nel “regime”.
Il servizio stampa della Casa Bianca dice che il presidente Obama ha raggiunto per telefono re Abdullah dell’Arabia Saudita. “Il presidente e il re sono d’accordo che questo complotto rappresenta una grave violazione delle norme fondamentali internazionali, dell’etica e del diritto. Hanno inoltre elogiato il lavoro delle agenzie di intelligence e delle forze dell’ordine che hanno fermato questo complotto, e hanno ribadito l’impegno congiunto di Stati Uniti e Arabia Saudita a dare una risposta internazionale forte e unitaria affinché i responsabili di questa cospirazione, rispondano delle loro azioni“. [9] [10] Allo stesso tempo, funzionari di FBI, NCTC, CIA, del Tesoro e del Dipartimento di Stato, hanno presentato a porte chiuse, informazioni più dettagliate ai membri della Commissione del Senato sull’Intelligence. Lasciando la riunione, il Presidente della Commissione, Dianne Feinstein, non faceva che imprecare contro l’Iran. In particolare la senatrice ha ripetuto due volte piuttosto che che questo complotto non può essere isolato e dovrebbe essere studiato per scoprire altre trame in altri paesi [11].
Si apprezzerà l’eleganza del metodo: l’incontro è stato a porte chiuse, ma le reazioni sono pubbliche. Presentano informazioni segrete, impossibili da valutare e verificare. la senatrice Feinstein può dire qualsiasi cosa senza timore di essere smentita. In questo caso, l’essenziale è chiaramente a preoccupare l’estero per mobilitare gli alleati.
La segretaria di Stato Hillary Clinton, parlando a una conferenza al Center for American Progress afferma: “Questo complotto, fortunatamente sventato dall’eccellente lavoro della nostra polizia e dai nostri professionisti dell’intelligence, è stata una violazione flagrante del diritto internazionale e degli Stati Uniti, e una pericolosa escalation nell’uso inveterato del governo iraniano della violenza politica e della sponsorizzazione del terrorismo. Non si tratta solo, tuttavia, dell’Iran e degli Stati Uniti, o anche dell’Arabia Saudita. Prendere di mira un ambasciatore viola la Convenzione sulla protezione e la repressione dei reati contro le persone che godono della protezione internazionale che, certamente, comprende i diplomatici. L’Iran è firmatario di questa convenzione. L’Iran è anche tenuto dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza a farle rispettare. Questo tipo di atto sconsiderato mina le norme internazionali e il sistema internazionale. L’Iran deve esserne ritenuto responsabile. In aggiunta alle misure annunciate dal Procuratore Generale, ieri, gli Stati Uniti hanno aumentato le nostre sanzioni contro individui del governo iraniano che sono coinvolti in questa cospirazione e nel supporto al terrorismo dell’Iran. Lavoreremo a stretto contatto con i nostri partner internazionali per aumentare l’isolamento dell’Iran e la pressione sul suo governo, e chiamare altri paesi ad unirsi a noi nel condannare questa minaccia contro la pace e la sicurezza” [12] [13].
Al briefing quotidiano alla Casa Bianca, Jay Carney, il portavoce, ha ripetuto lo slogan “Si tratta di una pericolosa escalation nell’uso inveterato della violenza da parte del governo iraniano. E riteniamo che un tentativo di assassinare un diplomatico negli Stati Uniti costituisca una violazione flagrante del diritto internazionale” [14] [15].
Il senatore democratico Carl Levin, presidente della Commissione del Senato sulle forze armate, drammatizza un po’ di più. Descrive il “complotto iraniano” come un “atto di guerra” contro gli Stati Uniti d’America [16]. Diversi membri repubblicani lo seguono facendo a gara, come Michael McCaul, Mark Kirk e Peter King.
Presso il Dipartimento di Stato, la portavoce Victoria Nuland ha annunciato che Hillary Clinton e il suo aggiunto William Burns hanno aumentato i contatti telefonici non solo con la loro controparte saudita e gli amici messicani, ma con le grandi cancellerie, per mobilitarle contro l’Iran. [17] Sul suo account Twitter, la rappresentante permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, Sussan Rice, annuncia: “Con un team di esperti degli Stati Uniti, ho contattato uno a uno ormai i membro del Consiglio di Sicurezza sul complotto smantellato dell’Iran” [18].
Giovedì 13, la cose camminavano a dovere, una audizione era in programma da lungo tempo, alla commissione del Senato per le banche sul tema: “Protezione contro le possibili minacce iraniane: le prospettive per l’amministrazione di implementare nuove sanzioni, un anno dopo” [19]. Wendy Sherman, ex assistente di Madeleine Albright è diventata Sottosegretaria di Stato per le relazioni col Congresso (Sottosegretario di Stato per gli affari politici), aggiorna sulle sanzioni in atto contro l’Iran per dissuaderlo dal sviluppare un programma nucleare militare e spiegare il nuovo sforzo degli Stati Uniti. Indica che importanti funzionari del Dipartimento di Stato si sono mobilitati per convincere tutti i partner del mondo a vietare i movimenti delle Guardie rivoluzionarie e le loro attività all’estero. Ecco, questo è in gioco in tutta questo affare: evitare che l’Iran esporti la sua rivoluzione.

Il movente introvabile
Quando era intervenuto a fianco del Segretario alla Giustizia, il direttore dell’FBI aveva paragonato il caso a “una sceneggiatura di Hollywood.” Questo parallelo colpisce tutti i commentatori. Infatti, i film d’azione non sono sempre coerenti, ma con una buona suspense e gli inseguimenti, lo spettatore non ha il tempo di pensare. Questa volta l’accusa contro l’Iran è troppo grande per non essere controllata. Per cominciare, qual è il movente?
Interrogato dal Washington Post, lo specialista dell’Iran alla Rand Corporation, Alireza Nader, ha espresso scetticismo. Ha detto che lo scenario di questo caso non corrisponde a nulla. Soprattutto, “Perché l’Iran dovrebbe assassinare l’ambasciatore saudita a Washington?” [20]. E’ davvero assurdo, l’ambasciatore Adel A. al-Jubeir è un confidente del re Abdullah con il quale l’Iran sta lavorando per mantenere le migliori relazioni possibili. Un tale attentato indebolirebbe inevitabilmente la monarchia a favore del clan Sudairi, acerrimi nemici di Teheran. In breve, per l’Iran, sponsorizzare il suo omicidio sarebbe come sparandosi in un piede.
Stessa storia con un altro esperto della Rand, il professor Rasool Nafisi della Strayer University, intervistato da The New York Times. Secondo lui in nessun modo la Guardia Rivoluzionaria opera sul suolo statunitense. E poi, osserva, l’ultima operazione attribuita all’Iran dagli Stati Uniti, risale al travagliato periodo della rivoluzione nel 1980 con l’assassinio di un oppositore.
Sulla CNN, i professori Jamsheed K. e Carol EB Choksy spiegano questa contraddizione. Riferendosi ad una fonte anonima degli Stati Uniti, gli esperti indicano che le Guardie Rivoluzionarie avrebbero agito per conto proprio per sabotare il riavvicinamento Iran-USA voluto dal presidente Mahmoud Ahmadinejad e dal suo nuovo ministro degli Esteri, Ali Akbar Salehi, e annunciato da loro a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il complotto sarebbe stato sponsorizzato dai generali Qassem Soleimani e Ali Jafari, comandanti delle Guardie Rivoluzionarie, dal generale Rostam Ghasemi, ministro del petrolio, tutti e tre fedeli seguaci di Ali Khamenei [21].
Questo tipo di commento rileva la scelta per la propaganda di guerra o per la frode intellettuale in ciò che sembra saggio, ma non è in alcun modo motivato.  Indipendentemente da ciò, piace ai media e convince gli spettatori distratti. Seguendo la serie dei talk show durante cui degli esperti s’ingolfano sulle orme di Eric Holder e Joe Biden: l’incoerenza del complotto non attesta che si tratta di una montatura, ma di una guerra tra i leader iraniano. Immediatamente, le differenze di opinione e di rivalità tra le figure politiche iraniano devono essere presentata e sovra-interpretate in modo americanocentrico, come se si basassero sulla pace e sulla guerra tra Washington e Teheran. Questi commenti inducono l’idea che alcuni elementi canaglia iraniani, desiderino lo scontro armato e che, in queste condizioni, gli Stati Uniti devono agire senza aspettare che questi elementi siano pronti.

Una sceneggiatura hollywoodiana? Ovviamente, ma per un B-movie
Nonostante tutti questi sforzi, la messa in scena del “complotto iraniano” si sgonfia. Certo, il principe Saud al-Faisal, Ministro degli Affari Esteri saudita, ha denunciato le ingerenze iraniane nel mondo. Il primo ministro britannico David Cameron, i ministri degli esteri francese, olandese e del Kosovo, hanno espresso la loro profonda preoccupazione. Poi più nulla. Solo il silenzio imbarazzato di molte cancellerie stanche degli spettacoli americani. Per la CNN, l’ex capo del dossier iraniano del Consiglio di sicurezza nazionale, Gary Sick ha osservato, “l’Iran non ha effettuato – o apparentemente anche cercato – un assassinio o un attacco negli Stati Uniti, ed è difficile credere che si baserebbe su una banda non-islamica, per compiere questa missione, tra le più sensibili possibili. In questo caso, avrebbero assunto  un dilettante e un cartello della droga messicano, conosciuto per essere infiltrati dalle intelligence ufficiali messicana e statunitense” [22] [23]. Infatti, Los Zetas è formato da ex militari messicani, alcuni dei quali erano noti per essersi formati negli Stati Uniti, presso la Scuola delle Americhe.
Ancor più banalmente, l’ex agente della CIA Robert Baer, habitué dei media, si fa beffe presso ilTime Magazine di questo scenario grottesco. Come può l’amministrazione Obama sperare di far credere che un gruppo elitario come la forza al-Quds abbia dato in appalto questa operazione a un venditore di auto e a una organizzazione criminale messicana? Questo sembro per lo più  disinformazione dei Mujahedeen e-Khalq [24], di cui hanno fatto una specialità e che Washington sostiene con entusiasmo [25].
Se ognuno capisce che l’amministrazione Obama inventa o recupera false accuse per indurire il tono nei confronti di Teheran, ci rendiamo anche conto che la sua politica è di contenimento, non di guerra. Paradossalmente, questa febbre improvvisa mostra che gli Stati Uniti non hanno la capacità di confrontarsi con l’Iran e preferiscono arringare i loro partner affinché rinuncino a un qualsiasi rapporto con l’Iran.
In breve, il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha concluso su al-Jazeera: “In passato, l’amministrazione americana ha detto che vi erano armi di distruzione di massa in Iraq. Loro [gli americani] l’hanno detto con grande forza, hanno presentato dei documenti e tutti dicevano: ‘Sì, noi ci crediamo, siamo d’accordo (…) E se oggi gli si chiedesse se queste affermazioni sono vere? Hanno trovato armi di distruzione di massa in Iraq? Hanno fabbricato una manciata di carte. E’ difficile da fare? La verità [circa il presunto complotto] finirà per scoppierà e tutto andrà bene per noi, in quel momento.”

Documenti allegati
Atto d’accusa. Gli Stati Uniti d’America contro Manssor Arbabsiar e Gholam Ali Shakur (11 ottobre 2011) (PDF – 2,5 MB)

Note
[1] “Treasury Sanctions Five Individuals Tied to Iranian Plot to Assassinate the Saudi Arabian Ambassador to the United States”, US Department of Treasury, 11 ottobre 2011.
[2] Cfr. documento scaricabile in fondo a questa pagina.
[3] “US Accuses Iranians of Plotting to Kill Saudi Envoy”, Charlie Savage e Scott Shane, The New York Times, 11 ottobre 2011.
[4] “How an alleged plot to assassinate Saudi ambassador was discovered along the Mexican border”, Associated Press, 12 ottobre 2011.
[5] “Iranian plot may have involved ambassador’s favorite restaurant. Cafe Milano?”, Roxanne Roberts e Amy Argetsinger, The Reliable Source, The Washington Post, 11 ottobre 2011.
[6] “Iran behind alleged terrorist plot, US says”, Jerry Markon e Karen DeYoung, The Washington Post, 11 ottobre 2011.
[7] “Friend: Man accused in Saudi assassination plot likes to be called ‘Jack’”,  Ed Payne, CNN, 12 ottobre 2011.
[8] “Friend: Suspect in ambassador plot ‘no mastermind’”, Associated Press, 12  Ottobre 2011.
[9] “The President and the King agreed that this plot represents a flagrant violation of fundamental international norms, ethics, and law. They also praised the work of intelligence and law enforcement agencies that led to the disruption of this plot, and reiterated the joint commitment on the part of the United States and Saudi Arabia to pursue a strong and unified international response that holds those responsible accountable for their actions“.
[10] “Summary of Obama’s Call with King Abdullah of Saudi Arabia”, Casa Bianca, 12 ottobre 2011.
[11] “Sen. Dianne Feinstein on Iranian Plot: ‘There May Be a Chain of These Things’”, Sunlen Miller, ABC News, 12 ottobre 2011.
[12] “This plot, very fortunately disrupted by the excellent work of our law enforcement and intelligence professionals, was a flagrant violation of international and US law, and a dangerous escalation of the Iranian Government’s longstanding use of political violence and sponsorship of terrorism. This is not just, however, about Iran and the United States or even just about Saudi Arabia. Targeting an ambassador violates the Convention on the Protection and Punishment of Crimes against Internationally Protected Persons, which, of course, includes diplomats. Iran is also in agreement with the Security Council resolutions to implement it. This kind of reckless act undermines international norms and the international system. QIran must be held accountable for its actions. In addition to the steps announced by the attorney general yesterday, the United States has increased our sanctions on individuals within the Iranian Government who are associated with this plot and Iran’s support for terrorism. We will work closely with our international partners to increase Iran’s isolation and the pressure on its government, and we call upon other nations to join us in condemning this threat to international peace and security“.
[13] “American Global Leadership at the Center for American Progress”, Hillary Rodham Clinton, US Department of State, 12 ottobre 2011.
[14] “It’s a dangerous escalation of the Iranian government’s longstanding use of violence. And we consider an effort to assassinate a diplomat in the United States to be a flagrant violation of international law“.
[15] “White House Press Briefing”, Jay Carney, 12 ottobre 2011.
[16] “A top Senate Dem says Iran plot may be act of war”, Associated Press, 12 ottobre 2011.
[17] “Daily Press Briefing”, Victoria Nuland, Département d’État, 12 ottobre 2011.
[18] “Together with a team of US experts, I’m briefing individual members of the #UN Security Council today on the disrupted #Iran plot
[19] “Addressing Potential Threats from Iran: Administration Perspectives on Implementing New Economic Sanctions One Year Later”, Banking Senate Commitee, 13  ottobre 2011.
[20] Washington Post, op cit.
[21] “Terror plot aids Iran hardliners, fuels enmity with US”, Jamsheed K. Jamsheed Choksy e Carol EB Choksy, CNN. 12 ottobre 2011.
[22] “Iran has never conducted — or apparently even attempted — an assassination or a bombing inside the US And it is difficult to believe that they would rely on a non-Islamic criminal gang to carry out this most sensitive of all possible missions. In this instance, they allegedly relied on at least one amateur and a Mexican criminal drug gang that is known to be riddled with both Mexican and US intelligence agents“.
[23] “Did Iran launch a plot against the US?”, CNN, 12 ottobre 2011.
[24] Cfr. il nostro file sui Mujahidin-e Khalq.
[25] “Washington Bombing Plot Is Out of Character for Iran’s Professional Killers”, Robert Baer, Time Magazine, 12 ottobre 2011.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: